La proposta

postato in: Home | 0
La Proposta

Per molti il lavoro manca o è sempre più precario.
Non servono le statistiche, tutti noi conosciamo famiglie che condividono questa preoccupazione.

I motivi del disagio che ormai tocca buona parte della popolazione sono diversi: la globalizzazione, certamente, ma anche la divaricazione dei livelli sociali e l’esasperazione competitiva del mercato del lavoro. Giorno dopo giorno, il numero di chi non ce la fa aumenta.

In questo quadro gli interrogativi sono inevitabili:
– senza lavoro che dignità ha una persona?
– come fa una società a crescere in queste condizioni?
– come fanno le persone a progettare un futuro basato sul precariato?
perché chi non ha lavoro si isola e chi lo ha è sempre più impegnato nei propri interessi?

La risposta più facile è: ma io cosa posso fare? Se l’economia va male, risolvere i problemi spetta alla politica, alle imprese, all’Europa. È vero, ma se ciascuno di noi non può risolvere i grandi problemi da solo, siamo proprio sicuri che insieme, attraverso un impegno condiviso, non siamo in grado di rispondere a questa domanda decidendo di reagire al disagio sociale dovuto al “lavoro che manca” al fine di accompagnare anche solo qualcuna delle persone che conosciamo da una situazione precaria ad una condizione di lavoro stabile?

Serve uno strumento in grado di aiutarci a renderlo possibile, attraverso l’attività e la collaborazione di imprese, professionisti, artigiani, impiegati e pensionati, commercianti, operatori sociali, etc… insieme ai precari in cerca di lavoro.
Uno strumento solidale la cui costruzione dipenda da NOI.

È la Proposta di ReAgire.

1

Ottenere il consenso di un’ampia comunità di persone a collegarsi stabilmente in una rete solidale e accogliente per costituire il bacino di riferimento, raccogliere le competenze professionali necessarie, le risorse economiche utili a stimolare progetti solidali destinati a promuovere occupazione. Una community alimentata da relazioni personali e attraverso gli strumenti del Web (sito, newsletter, social media…) che si proponga di accogliere persone in difficoltà.

2

Conoscere la domanda di lavoro per costruire una nuova opportunità corrispondente. Non certo per tutti, almeno per alcuni. Attività di ricerca sociale, selezione professionale, formazione, counselling, relazione. Non un servizio pubblico né agenzia di collocamento, con cui ci sarà collaborazione. Partiamo dalla condizione personale di chi condivide la filosofia di ReAgire e partecipa alla rete.

3

Immaginare e condividere alcuni progetti solidali al fine di creare nuove opportunità di lavoro stabile, in collaborazione con soggetti già esistenti o attraverso la loro integrazione, stimolati anche dalla capacità d’iniziativa e dal contributo economico della comunità di ReAgire.

Abbiamo costituito l’associazione di promozione sociale ReAgire per divulgare ed attuare queste idee.

La proposta di ReAgire è rivolta a TUTTI. Chiunque può decidere se e come condividerla insieme a noi, senza stravolgere la propria vita, a partire anzitutto dagli ambiti di normale impegno professionale e dalle proprie relazioni sociali, per offrire una risposta solidale al problema del lavoro che manca.

Vuoi ReAgire anche tu insieme a noi?

Associati!

postato in: Home | 0
Associati ora!

Caro amico, se avendo letto la nostra Proposta condividi la convinzione che insieme sia possibile reagire all’attuale situazione sociale creando le condizioni per promuovere nuove opportunità di lavoro frutto di una logica solidale e…

  • …sei disponibile a impegnare qualcosa del tuo tempo, delle tue competenze, delle tue risorse per tradurla in pratica…

oppure

  • …vivi una condizione di precarietà per mancanza di lavoro e vuoi condividere i tuoi sogni professionali in modo tale che altri possano accompagnarti nell’impegno necessario a perseguirli…

ASSOCIATI ORA!

Per garantire a tutti la possibilità di partecipare alla rete di ReAgire la quota di iscrizione è di soli 20 € all’anno.
Indica nel modulo qui sotto i tuoi riferimenti, riceverai a breve un pdf precompilato da inviarci tramite mail, fax o posta per portare a termine la procedura di associazione e il pagamento della quota.

Per rinnovare la quota associativa per l’anno in corso è sufficiente effettuare il pagamento tramite bonifico o carta di credito, come indicato in questa pagina, indicando come causale “rinnovo quota associativa”, o direttamente di persona a uno dei nostri prossimi incontri.

 

(formato gg-mm-aaaa)

DICHIARA

  • di aver preso visione dello Statuto dell'associazione sul sito web e di accettarlo e rispettarlo in ogni suo punto;
  • d'impegnarsi al pagamento della quota associativa annuale;
  • di acconsentire al trattamento dei dati personali da parte dell'Associazione, ai sensi dell'art.13 D.lgs.n 196/2003 e in relazione all'informativa sulla privacy.
  • CHIEDE


     

     

    Cosa posso fare io?

    postato in: Home | 0
    Cosa posso fare io?

    ReAgire ha l’ambizione di costruire un’ampia rete di persone che vogliano condividere gli obiettivi della nostra Proposta e insieme diventare parte attiva nel processo di costruzione di un futuro migliore, per se stessi e per gli altri.

    Una rete di questo tipo può funzionare solo se accoglierà al suo interno tanti soggetti diversi e attivi nell’immaginare insieme nuove idee e progetti, e nel sostenerne le iniziative per favorirne il consolidamento e diventare un primo mercato di riferimento.

    Di fronte a una proposta innovativa e complessa è inevitabile che sorga la domanda: cosa posso fare io?

    Ecco alcuni suggerimenti.

    1. ASSOCIATI

    logo_associati-(green-on-white)

    La rete di ReAgire ha bisogno di crescere collegando numerose persone, aziende e istituzioni per poter realizzare gli obiettivi per cui nasce. Insieme, chi ha una certa stabilità con chi è in cerca di conquistarla. Per questo abbiamo deciso di istituire una quota associativa di soli € 20 /anno, accessibile anche a chi vive un periodo di difficoltà economica e desidera entrare a far parte della nostra comunità per poter reagire con noi al disagio sociale.

    Il primo passo per sostenerci e partecipare alle nostre iniziative è proprio questo!

    ASSOCIATI ORA!

    2. CONDIVIDI

    condividi

    Ognuno di noi ha una sua rete di relazioni: la nostra famiglia e un insieme di amici, colleghi, conoscenti. Condividi con loro la nostra Proposta, aiutaci a raggiungerli e a farli diventare parte della rete. Condividi le idee e iniziative di ReAgire sui social network, parlane di persona, organizza riunioni o sfrutta quel vecchio contatto conosciuto anni fa in un giornale, o su un blog.

    Conosci qualcuno che ha un’attività economica, è un professionista affermato o esercita una responsabilità in un’azienda o un ente organizzato? Coinvolgilo nella nostra Proposta perché possiamo identificare opportunità di lavoro e immaginare progetti solidali per tradurle in concreto.

    Se poi hai un famigliare, un amico o un conoscente che è in cerca di lavoro aiutaci ad accoglierlo nella rete di ReAgire perché possa condividere con noi l’impegno necessario alla sua ricerca.

    Diffondi con noi la voglia di ReAgire! 

    DIVENTA VOLONTARIO!

    3. CONTRIBUISCI

    contribuisci

    La nostra quota associativa permette a tutti di far parte dell’associazione, perché ognuno di noi è importante. Abbiamo bisogno di idee, sostegno e partecipazione, ma anche di qualche risorsa economica per realizzare i progetti solidali. Se ne hai la possibilità, ci aiuterebbe il tuo contributo volontario una tantum, qualsiasi cifra è utile per tradurre gli obiettivi della Proposta.

    Noi ti suggeriamo, però, le quote di 10, 20 o 30 € al mese a costante sostegno delle iniziative e delle persone che, in cerca di lavoro, condivideranno l’impegno di ReAgire.

    DONA ORA!

    4. PARTECIPA

    partecipa

    Ogni mese ReAgire organizza almeno un incontro con i soci, per condividere gli impegni della nostra Proposta.

    Partecipa anche tu per fornirci il tuo contributo di idee, dialogo e la tua collaborazione. Seguici sui social o iscriviti alla nostra newsletter per rimanere informato su tutte le attività che coinvolgono l’associazione!

    Diventa Volontario!

    postato in: Home | 0
    Diventa Volontario!

    Un’ampia rete solidale può creare nuove opportunità di lavoro stabile. Per raggiungere il più alto numero di persone possibile e far loro condividere la visione di ReAgire sulle soluzioni al problema della mancanza di lavoro e della precarietà abbiamo bisogno del vostro aiuto!
    Per questo nasce il Progetto Volontari: persone che, con il loro impegno personale, utilizzando le proprie reti di contatti sia nel mondo fisico che in quello virtuale possano darci una mano a raggiungere questo ambizioso risultato, e che facciano per noi da tramite con il loro territorio di riferimento, aiutandoci a far radicare la Proposta anche in zone diverse da quelle dove è già conosciuta.

    Vuoi diventare Volontario per Reagire? Ecco una serie di suggerimenti sulle attività utili all’ampliamento della rete solidale, in ordine di impegno richiesto. Puoi collaborare anche con una sola di queste azioni, oppure proponendo il tuo contributo al di fuori di quelle da noi suggerite.

     

    1. Diffondi la Proposta.

    Grazie a una formazione ad hoc tramite incontri organizzati dall’Associazione e a materiali di comunicazione appositi, utilizza la tua rete di contatti (sia online che tra le amicizie fisiche, sul luogo di lavoro, nella tua associazione, etc…) per diffondere la Proposta di ReAgire, coinvolgere nuovi soci e creare interesse a partecipare alla Community online.

     

    2. Condividi i messaggi ricevuti.

    ReAgire ha bisogno di visibilità e di accrescere il numero di persone che leggono le comunicazioni inviate periodicamente tramite newsletter e sui social network. Se utilizzi questi strumenti, condividi sistematicamente i nostri messaggi, diffondili agli amici. Aiutaci ad aumentare la conoscenza delle nostre attività.

     

    3. Organizza piccoli eventi.

    Ti piace invitare amici a cena, o a vedere un film? Fai diventare ReAgire il tema di questi momenti conviviali. Organizza una cena solidale, o la visione del film “Due giorni, una notte”, che aiuta a sensibilizzare le persone sulle tematiche dell’Associazione.

     

    4. Conosci chi è in cerca di lavoro.

    La mancanza o precarietà del lavoro è un disagio che può colpire chiunque intorno a noi. Non facciamo finta di niente, cerchiamo di conoscerlo, facciamogli conoscere la Proposta di ReAgire e invitiamolo a impegnarsi nella rete solidale accompagnandolo nella sua ricerca.

     

    5. Conosci l’economia della tua zona.

    ReAgire ha bisogno di entrare in contatto con negozi, imprese, associazioni e tutto ciò che è lavoro sul territorio. Chi meglio di te, che vivi ogni giorno il tuo quartiere, può aiutarci a creare il dialogo con loro? Consegna il nostro questionario, presenta la Proposta e le iniziative che lo possono interessare.

     

    6. Vuoi fare di più? Crea un gruppo di volontari!

    Collegati ad altri volontari, o trovane di nuovi nella tua zona, e costituisci un gruppo locale stabile sul territorio o nella tua associazione, per organizzare eventi di raccolta fondi, partecipare a iniziative e ampliare la rete solidale in maniera più efficace. Sosterremo la vostra attività tramite il coordinamento centrale, fornendovi i materiali necessari e attraverso la Community online.

     

    logo_volontari

    Progetti Solidali

    postato in: Home | 0
    Progetti solidali

    La Fattoria delle Idee, l’incubatore di progetti professionali di ReAgire.

    Chi percorre la strada di MyJob Laboratorio, alla ricerca del proprio lavoro, può seguire due direzioni: quella dell’impiego classico, dipendente, oppure quella del costruirsi una professione, se durante la fase di orientamento è emersa un’attitudine in tal senso. Per questo ReAgire mette a disposizione Fattoria delle Idee, un incubatore di progetti professionali che favorisca la nascita di idee, il confronto all’interno della rete di ReAgire e il supporto nella fase di start-up, finché non hanno la possibilità di vivere autonomamente.

    Ecco i progetti attualmente attivi.

    Daniele, il Portiere Digitale

    Il Portiere Digitale è un consulente informatico a disposizione di chi vuole migliorare il proprio rapporto con la tecnologia. Non semplice assistenza tecnica, ma un legame di fiducia per portare verso la comprensione dei problemi, e risolverli insieme.

    Assistenza, consulenza per acquisti, formazione all’uso di software e hardware, divulgazione della cultura informatica sul territorio.

    Maggiori informazioni su https//www.portieredigitale.it

    Digitale per tutti

    Tecnologie moderne come computer, smartphone e Internet sono sempre più presenti nelle nostre vite. La mancanza di competenze digitali è spesso non soltanto fattore di esclusione, professionale o sociale, ma espone anche a gravi rischi se le tecnologie sono usate nel modo sbagliato.
    Digitale per tutti è un programma curato dal Portiere Digitale e da ReAgire che prevede la creazione di una serie di contenuti (manuali, video, presentazioni) da diffondere in modi e momenti differenti in vari luoghi del territorio, per esempio attraverso brevi lezioni/laboratori dal vivo o proponendo il materiale alle biblioteche, scuole, etc…
    L’obiettivo è raggiungere le persone che più ne hanno bisogno là dove si incontrano naturalmente, e non nei luoghi riservati agli appassionati.

    Stefano, l’Assistente Familiare

    L’Assistente Familiare ti aiuta nello svolgimento di quelle attività che ti rubano tempo o energie rendendoti la vita complicata: gestione farmaci e visite mediche, spesa, cura della persona.

    Ogni giorno un sostegno in più.

    Gli attuali ambiti di intervento sono:

    • assistenza nelle attività quotidiane – compagnia – lettura a domicilio;
    • Il Farmaco a casa tua – prenotazione visite ed esami;
    • Accompagnamento visite mediche – disbrigo pratiche
    • Servizi per le famiglie – spesa – accompagnamento bambini e doposcuola.

    Per maggiori informazioni: af@reagireinsieme.org

    Il Farmaco a casa tua

    Seguire le prescrizioni di tutti i medicinali è diventato complicato? È successo a te o ad un familiare di rimanere senza? Non è più un problema! Noi ti affianchiamo nel controllo dei medicinali e programmiamo la richiesta delle ricette dal tuo medico. Riceverai quanto ordinato a casa tua, in modo semplice e senza complicazioni con la tecnologia.

    Il servizio, curato dall’Assistente Familiare e da ReAgire, prevede anche la possibilità di prenotare visite ed esami e il ritiro dei referti.

    MyJob Laboratorio

    postato in: Home | 0
    MyJob Laboratorio

    Una Startup per l’occupazione

    Dopo la fase di sperimentazione è ormai consolidato il percorso di MyJob Laboratorio, tailor made e senza limiti di tempo, pensato per accompagnare chi entra nella rete solidale di ReAgire coniugando contestualmente attività di orientamento e formazione, incubazione d’idee e sostegno al reddito, spesso proposte al singolo disoccupato in maniera scoordinata e inefficiente.

    Il modello di MyJob Laboratorio prevede che, durante il percorso di riqualificazione professionale, i soci in cerca di lavoro non rimangano passivi nell’attesa, ma investano parte del proprio tempo impegnandosi in base alle proprie competenze in attività a carattere temporaneo. Sono i progetti solidali di ReAgire, l’altra faccia del nostro programma di attività istituzionali destinata a caratterizzarlo.

    Se i ricavi di queste iniziative e la solidarietà delle persone, delle imprese e delle istituzioni che alimenterà la nostra Raccolta fondi lo consentiranno, l’impegno nei progetti operativi si tradurrà anche in sostegno al reddito di chi partecipa al percorso di MyJob Laboratorio. È il programma borse lavoro messo a punto da ReAgire affinché un sostegno economico di entità corrispondente a un tirocinio consenta alle persone in cerca di occupazione e senza altri ammortizzatori sociali di impegnarsi per tutto il tempo utile alla propria riconversione professionale, senza interromperlo per la necessità di sostenere le spese quotidiane inderogabili.

    Nel corso degli ultimi due anni ReAgire ha accompagnato più di 50 persone in cerca di lavoro, delle quali buona parte ha trovato un’occupazione o sta affrontando l’avviamento di iniziative di autoimpiego.

    Vuoi partecipare anche tu? Contattaci!