Riproduci video

La pandemia è certamente fonte di una tragedia umana e sanitaria di proporzioni straordinarie, sia a livello globale che locale; ma anche causa di una crisi economica che per diversi anni a venire condizionerà le nostre società e la vita di molte persone esaltando un insieme di criticità riguardanti il nostro modello di sviluppo già emerse con la crisi del 2008/2009, con il rischio di renderne sempre più problematica la soluzione, provocare disoccupazione, accentuare l’esclusione sociale e aumentare la povertà.  Come possiamo contrastarlo – noi donne e uomini, comunità ed organizzazioni orientate al bene comune – favorendo viceversa proposte, esperienze e strategie inclusive tese ad evitare che la crisi economica degradi in crisi sociale?

ReAgire a.p.s., Comunità di S. Egidio e i laici francescani dell’OFS vi invitano a un evento immaginato per trovare le giuste risposte ed attivare le relazioni necessarie.

Fratelli tutti e bene comune

per contrastare la crisi sociale

Con la Fratelli tutti, Papa Francesco ha offerto al dibattito sociale gli ingredienti di una strategia molto concreta cui tutti coloro che sono interessati al bene comune possono ispirarsi e basare la propria risposta alla domanda fondamentale da cui siamo partiti, alimentando motivi di speranza. Partendo da queste idee metteremo anzitutto a fuoco il nostro punto di vista su aspetti cruciali della questione sociale in un percorso di discernimento, con l’aiuto di alcuni protagonisti. Quindi, nell’ultimo incontro ragioneremo insieme su cosa possiamo pensare di fare.

LUNEDI

3 maggio

2021

ore 20:45

UN ESTRANEO SULLA STRADA

Quali gli aspetti più rilevanti dell’impatto sociale indotto dalla pandemia a Milano, e come affrontarli nella prospettiva inclusiva della Fratelli Tutti?

Luca Castiglioni, Ministro OFS, ne parla con: 

Gabriele Rabaiotti, Assessore alle politiche sociali e abitative Comune di Milano
Luciano Gualzetti, Direttore Caritas ambrosiana
Mons. Carlo Azzimonti, Vicario Episcopale per la città di Milano

 

LUNEDI

17 maggio

2021

ore 20:45

IL GRANDE TEMA È IL LAVORO

Precarietà e disoccupazione preesistevano alla pandemia ma si stanno aggravando e spaventano. Come rispondervi facendo in modo che il lavoro non sia un diritto solo per alcuni?

Elio Savi, Presidente di ReAgire, ne parla con:

Maurizio Del Conte, Presidente AFOLmet
Valeria Negrini, Portavoce reg.le Forum Terzo settore
Valentina Cappelletti, Segreteria reg.le CGIL
Alberto Sportoletti, CEO Sernet/Pres. Retemanager

LUNEDI

7 GIUGNO

2021

ore 20:45

PENSARE E GENERARE UN MONDO APERTO

Milano è una città multietnica in cui coesistono molte periferie: urbane, sociali, esistenziali. Come passare dal “noi e loro” al “noi insieme” perché la crisi economica non accentui le distanze e le disuguaglianze?

Giorgio Del Zanna, Comunità di S.Egidio, ne parla con: 

Mons. Luca Bressan, Vicario episcopale per Cultura, Carità, Missione e Azione sociale 
Alessandro Galbusera, segretario ACLI Milano, delega a politiche dell’abitare e del territorio
Cristina Pasqualini, Dip. Sociologia Univ. Cattolica / Istituto Toniolo
Deidamia Moran Calderon, comunità Salvadoregna

LUNEDI

21 GIUGNO

2021

ore 20:45

RITROVARSI PER DARE UN SEGUITO

L’invito a ritrovarsi è rivolto a tutti coloro che hanno trovato interesse nelle idee sviluppate e intendono darvi un seguito: attivando relazioni, individuando proposte, valorizzando esperienze di inclusione sociale presenti nel Territorio. Per decidere insieme come andare oltre il discernimento.

 

 

I primi tre incontri saranno trasmessi in streaming sul canale Youtube di ReAgire, mentre l’ultimo appuntamento di discussione sarà organizzato sulla piattaforma Zoom. Registrati cliccando sul pulsante qui sotto per ricevere i link e tutte le informazioni poco prima di ogni data.

I PROMOTORI

ReAgire a.p.s. è una rete solidale di persone in cui la cultura dell’impresa, delle professioni, del lavoro dipendente si integrano con la condizione di chi è in cerca di lavoro per accompagnarlo durante questa fase della vita.

In un mercato del lavoro ormai sempre più dominato dalla precarietà, la Proposta di ReAgire trae spunto dalla convinzione che tutti – lavoratori e non – possano contribuire ad affrontare il disagio sociale della disoccupazione, a condizione di porsi dal punto di vista di chi cerca lavoro.

Per farlo l’associazione ha sviluppato cinque ambiti d’azione: Incontrarsi, Accompagnare, Coinvolgere l‘Economia locale, Progettare lavoro, Condividere. La sua attività principale è MyJob Laboratorio, modello solidale di accompagnamento al lavoro tramite orientamento, formazione, incubazione di idee e sostegno al reddito; servizi offerti in un contesto di accoglienza che non lascia mai sole le persone. Negli ultimi tre anni MyJob Laboratorio ha visto la partecipazione di più di un centinaio di persone in cerca di lavoro e ha portato ReAgire a sottoscrivere un Protocollo d’Intesa con il Comune di Milano.

Sant’Egidio è una Comunità cristiana nata nel 1968, all’indomani del Concilio Vaticano II, per iniziativa di Andrea Riccardi, in un liceo del centro di Roma. Con gli anni è divenuta una rete di comunità, in più di 70 paesi del mondo, con una particolare attenzione alle periferie e ai periferici. Anche a Milano la Comunità raccoglie uomini e donne di ogni età e condizione, uniti da un legame di fraternità nell’ascolto del Vangelo e nell’impegno volontario e gratuito per i poveri e per la pace.

Preghiera, poveri e pace sono i suoi riferimenti fondamentali.

La preghiera, basata sull’ascolto della Parola di Dio, è la prima opera della Comunità, ne accompagna e orienta la vita.

I poveri sono i fratelli e gli amici della Comunità. L’amicizia con chiunque si trovi nel bisogno – anziani, senza dimora, migranti, disabili, bambini – è tratto caratteristico della vita di chi partecipa a Sant’Egidio nei diversi continenti.

La consapevolezza che la guerra è la madre di ogni povertà ha spinto la Comunità a lavorare per la pace, proteggerla dove è minacciata, aiutare a ricostruirla, facilitando il dialogo là dove è andato perduto, favorire –  specie nelle grandi città  come Milano – una cultura della convivenza.

L’Ordine Francescano Secolare (OFS) rappresenta la più antica forma di organizzazione di laici che, sotto la guida della Chiesa, si impegnano a testimoniare con la propria vita il Vangelo, ispirandosi al carisma di san Francesco d’Assisi. La vita dei francescani secolari è guidata da una Regola: la prima, di cui si celebrano quest’anno gli 800 anni, risale al 1221, quella attuale, rivisitata alla luce del Concilio Vaticano II, è stata promulgata da Papa Paolo VI nel 1978.

I francescani secolari emettono, dopo un periodo di formazione e di approfondimento spirituale e culturale, una vera e propria ” professione” pubblica, con la quale si impegnano a vivere questa vocazione in ogni situazione in cui si trovano in ambito famigliare, sociale e lavorativo.

L’OFS si articola in fraternità a vari livelli: locale, regionale, nazionale e internazionale. A Milano è presente con 10 fraternità: quella di Milano S. Francesco che ha sede, da oltre un secolo, presso i frati Cappuccini di piazzale Velasquez, è impegnata in vari campi di animazione spirituale, culturale, sociale e caritativa, nel dialogo interreligioso e per la cura del creato.